Casa “Sebastiano”, una nuova visione dell’Autismo

L’arte a Casa “Sebastiano”: Albino Rossi “Gli occhi del cielo”
marzo 31, 2017
Come accedere a Casa “Sebastiano”
aprile 19, 2017
Mostra tutto

Inaugurata Casa “Sebastiano”, il nuovo centro specializzato per Disturbi dello Spettro Autistico a Coredo (TN).
Casa “Sebastiano” è un centro accreditato dall’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari per la progettazione e l’erogazione di interventi specialistici multidisciplinari integrati in regime di residenzialità e centro diurno per soggetti con Disturbi dello Spettro Autistico.
Il centro residenziale e diurno è gestito da Autismo Trentino Società Cooperativa Sociale Socio-Sanitaria.
Casa “Sebastiano” è un luogo di accoglienza, non per curare una malattia, ma per vivere percorsi di crescita educativi e riabilitativi, per sperimentare autonomie, un luogo di formazione e di studio: accogliente e familiare in cui i ragazzi possano sentirsi a casa e vivere serenamente, una realtà stimolante per crescere e per favorire la relazione con l’altro, una casa che accoglie la famiglia intera, con i suoi bisogni e le sue esigenze. Un’equipe multidisciplinare specializzata composta da educatori professionali sanitari, Operatori Socio Sanitari, terapisti occupazionali, terapisti della riabilitazione psichiatrica, tirocinanti/stagisti e volontari progetta percorsi educativi personalizzati per sviluppare abilità cognitive e sociali per il miglioramento della qualità di vita. La Fondazione Trentina per l’Autismo si avvale di un Comitato Scientifico composto da 9 dei maggiori esperti in Italia per supervisionare le attività di Casa “Sebastiano” e creare un “modello italiano” di presa in carico della persona con autismo.
Il centro diurno e residenziale offrono attività per tutti i gusti: laboratorio di cucina, laboratorio di falegnameria, laboratorio di pittura e arte, musicoterapia, attività di fattoria con la cura di animali, pet terapy, coltivazione di ortaggi ed educazione ambientale, laboratorio di attività motoria, inserimento protetto in contesti lavorativi del territorio.

Perché una nuova visione dell’Autismo?
Le persone con Disturbi dello Spettro Autistico sono, come tutti gli altri, bambini e ragazzi bisognosi di relazioni e stimoli positivi per crescere e vivere una vita serena. Casa “Sebastiano” si propone come un contesto abilitativo “pervasivo”, in cui ogni attività è occasione di educazione, già a partire da quelle della vita quotidiana, organizzate e strutturate per le specifiche caratteristiche dell’autismo e fruite come momento stimolante di crescita per incrementare e potenziare le competenze cognitive e sociali. I ragazzi partecipano attivamente alla vita e alla gestione della casa e delle attività in essa svolte.

Quale nuova visione dell’Autismo?
I Disturbi dello Spettro Autistico coinvolgono la persona per tutto l’arco della vita, dall’infanzia all’età adulta: Casa “Sebastiano” è il fulcro di una rete di realtà qualificate e di comprovata competenza che lavorano in sintonia per assicurare la corretta preso in carico e assistenza della persona con Autismo e della sua famiglia fin dall’infanzia, accompagnandola nella realizzazione di un “progetto di vita” a partire dalla riabilitazione sanitaria e socio-sanitaria, alla scuola, fino all’inserimento lavorativo. Una visione globale dell’Autismo che si concretizza in un modello innovativo di azioni coordinate, compartecipate e condivise: dalla famiglia, dalle istituzioni, dalle realtà territoriali cooperativistiche.

I servizi sono erogati in convenzine con l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, per accedere a Casa “Sebastiano” le famiglie devono rivolgersi all’assistente sociale di riferimento che attiverà l’UVM – Unità di Valutazione Medica territoriale.